Le nostre trasformazioni urbane

La trasformazione dei luoghi identitari e relazionali in spazi inaccessibili, la perdita del genius loci ha ridotto la città esistente, organismo complesso ed articolato, ad una “scenografia” da attraversare negli spostamenti tra i luoghi della “città temporanea”. La necessità attuale è quella di ripensare la città cogliendo l’identità, ricostruendo l’esistente storico e non producendo un’evoluzione … Continua a leggere

Temporary? Landscapes # 4: Il funerale di Onna

La scossa devastatrice. Le vite spezzate. La disperazione dei sopravvissuti. Il dramma di Onna, la frazione di L’Aquila che il terremoto del 6 aprile 2009 ha devastato. Le vittime sono state 308, la maggior parte quella notte dormiva lì. Il funerale di Onna è stato il funerale di tutti

Scampati al miracolo

L’aquila: a distanza di un anno dal terremoto che ha distrutto la città e gran parte del suo territorio, decine di famiglie vivono ancora in condizioni di totale emergenza in alloggi di fortuna all’interno di camper e roulotte in alcune casi  ancora nelle tende sansa alcun tipo di servizio e senza alcun tipo di assistenza. … Continua a leggere

Il sisma diventa politico: lascia Massimo Cialente

Sulla citta’ sconvolta dal terremoto del 6 aprile 2009, ora si abbatte anche un sisma politico. Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, maretdì 8 marzo, ha presentato le dimissioni consegnando la comunicazione nelle mani del segretario generale del Comune, Vincenzo Montillo. Cialente, che si e’ gia’ dimesso dalla carica di vice commissario per la ricostruzione in … Continua a leggere

Temporary? Landscapes # 3: La ricostruzione mancata

“Procedendo al ritmo attuale, serviranno ancora 69 anni per eliminare i cumuli di macerie che giacciono sulle strade dei comuni terremotati d’Abruzzo”. Il rapporto di Legambiente, ‘Macerie, anno zero’, denuncia ha fatto il punto dello stato della ricostruzione a diciotto mesi dal sisma che ha colpito L’Aquila e altri 56 centri abruzzesi. L’organizzazione ambientalista attacca … Continua a leggere

Un blog per L’Aquila, la presentazione giovedì 3 marzo

Temporary?Landscapes è un progetto fotografico che intende riportare l’attenzione sulla situazione de L’Aquila e, attraverso le immagini e il coinvolgimento attivo delle persone sul territorio, restituire la città ai suoi abitanti. In occasione del secondo anniversario dal terremoto del 2009, il 6 aprile verrà realizzata un’installazione fotografica lungo il perimetro intorno alla zona rossa de … Continua a leggere

Gli oggetti strada per strada

Un paio di jeans è ciò che resta della strada intitolata al Generale Francesco Rossi n 20. Le strade dell’Aquila sono deserte e tra le macerie ci sono solo degli oggetti. Restano come ricordo della vita che c’era.pc, libri, fanno intravedere una quotidianità passata GUARDA LA MAPPA

“Io quella notte non c’ero”

Su Facebook, qualche giorno fa, Furbo di Pianola (nickname di un aquilano doc) ha scritto: “Questa esperienza dimostra che il tempo è relativo. Che 20 secondi possono essere interminabili e che 2 anni passano in un secondo”. Impossibile non dargli ragione, soprattutto se sei tra quelli ai quali il 6 aprile 2009 ha cambiato la … Continua a leggere

Temporary? Landscapes # 1: Una città al bivio

Alle 3:32 una scossa ha devastato la provincia di L’Aquila. Veri e propri crateri si sono aperti tra le strade. Tutto però è rimasto come era. Per percorrere tratti di strada brevissimi bisogna ancora passare per una tangenziale lunga 7 chilometri

Junkspace, sguardi dal territorio

Questo progetto fotografico risponde ad un’urgenza civica: le fotografie ‘partecipate’ costituiscono la documentazione visiva del lavoro svolto dal Collettivo99 (giovani tecnici aquilani). JUNKSPACE uno sguardo sul territorio aquilano volge lo sguardo alla realizzazione del ‘piano C.a.s.e.’, e cioè quello sviluppo satellitare di micro insediamenti sparsi sul territorio periferico della città, definiti ‘frammenti di città post … Continua a leggere

  • Contribuisci

  • Twitter

  • Facebook

  • Contattaci